Tag Archives: arte

Valentino Catricalà e Antonella Sbrilli parlano di AI, machine learning, big data e creatività artistica, prendendo spunto dal libro “L’estetica dell’intelligenza artificiale. Modelli digitali e analitica culturale” di Lev Manovich, in occasione del terzo incontro on line dell’edizione 2020 dei “Complexity Literacy Meeting” (i Complexity Literacy meeting sono organizzati a partire dal 2014 dal Complexity Institute; quest’anno, date le difficoltà dovute alla pandemia di Covid-19, gli incontri si svolgono on line: sono diventati “Web Meeting”).

Le informazioni sull’incontro del 22 Ottobre dedicato al libro di Manovich si trovano qui 

Ricordiamo i momenti principali di ogni serata di ciascuno degli otto Complexity Literacy Web Meeting:

  • la presentazione di un libro, da parte dell’autore o di un lettore;
  • una relazione sullo stesso tema da parte di un esperto;
  • il dialogo generato dalle domande del pubblico agli esperti;
  • la Parola del giorno, a cura di Enrico Cerni;
  • la Biblioteca dei classici della complessità, a cura del Complexity Education Project.

Il Complexity Education Project da quest’anno si affianca al Complexity Institute nell’organizzazione degli eventi. Inoltre, in ogni serata cura la rubrica La Biblioteca dei classici della complessità, in cui in pochi minuti viene presentato un libro consigliato per approfondire i riferimenti principali del paradigma complesso.

Cosa accomuna scienza e arte? Come può essere creativa la scienza ed “esatta” l’arte?
Cosa sono incertezza e impredicibilità, e come è possibile e doveroso cercare di ‘gestirle’ nel modo migliore?

Ignazio Licata, fisico teorico, direttore dell’ISEM (Institute for Scientific Methodology) di Palermo, autore del libro “Complessità: un’introduzione semplice” ne ha parlato in questa lunga intervista dal titolo “Complessità: la musica complessa del mondo”.

Per Saperne Di Più

Che rapporto c’è tra arte e complessità? Nella storia dell’evoluzione è la creazione a copiare il vivente, o viceversa?

Pier Luigi Capucci, professore presso l’Accademia di Belle Arti dell’Aquila e presso l’Università di Udine, ha parlato di Arte e complessità in una delle 10 lezioni sulla Complessità organizzate dal Complexity Education Project al Museo MACRO di Roma, all’interno del Festival della Complessità.

Per Saperne Di Più

Nel mese di Maggio 2019, il Macro Asilo ha ospitato nelle sue sale la manifestazione ufficiale di apertura della decima edizione del Festival della Complessità, interamente dedicato al tema “Pensare a come pensiamo”: un ricco weekend di eventi che si è concluso domenica 12 maggio con il lancio della prima delle dieci lezioni organizzate dal Complexity Education Project.

Le lezioni si sono svolte nell’arco di tre week end, condividendo e confrontando con il pubblico i concetti chiave legati alla parola “complessità”:  il pensiero sistemico e l’analisi delle reti sociali applicate all’arte e al design, all’urbanistica e alla data visualization, senza trascurare gli aspetti più innovativi che riguardano l’applicazione del paradigma cognitivo complesso al management e al machine learning, alle fake news e alla politica, ai problemi di conflitto fra trasparenza e diritto alla privacy, per finire con il rapporto tra tecnologia e cultura.

Per Saperne Di Più

Il Festival Ars Electronica di Linz (Austria) mette a disposizione a questo indirizzo i preziosi materiali multimediali presentati durante l’edizione 2018.
Ars Electronica, fin dal 1978,  è un punto di riferimento avanzato sulle ricerche che si muovono sperimentalmente alla “confluenza di arte, tecnologia e società”; il tema specifico su cui si confrontano gli interventi, le mostre, le performance, le interazioni, i prodotti,  le proposte cambia di anno in anno. Il tema  conduttore dell’edizione 2018 sembra fatto apposta per gli studi sulla complessità, con il suo titolo: “Errore. L’arte dell’imperfezione”. Nell’ultima edizione, sono intervenuti più di 1000 fra artisti, scienziati, attivisti e imprenditori, con un’affluenza di pubblico che ha superato le 100.000 presenze.

 

Fino all’11 novembre 2018, nella città belga di Kortrijk si svolge Play, un festival diffuso in tutta la cittadina, che presenta le opere di quaranta artisti internazionali, ispirate al tema del gioco. Gioco inteso come forma di arte coinvolgente, partecipativa, interattiva, multimediale: insomma complessa, in grado di esprimere l’emergere di nuove forme di creatività e di relazione.